lefttop neu
test
hardware

                                                         

MOVIE STAR JUNKIES - EVIL MOODS

VR1291



TRACKLIST
1. A PROMISE
2. THREE TIMES LOST
3. PLEASE COME HOME
4. RISING
5. JIM THOMPSON
6. A LAP FULL OF HATE
7. IN THE EVENING SUN
8. ALL SORTY OF MISERY
9. RED HARVEST
10. MOVE LIKE TWO GHOSTS
MOVIE STAR JUNKIES "EVIL MOODS"
LP: VR1291 (EAN-CODE: 7640148982153)
CD: VRCD91 (EAN-CODE: 7640148982115)
ORDER

A BAND IN A EVIL MOOD MAKES ANGRY SWEET GOOD TWISTET MUSIC-NOIR SLEAZE PSYCHO POP AND LET THEMSELF INSPIRE BY JIM THOMPSON AND DASHIELL HAMMETT

Movie Star Junkies are back with a grudge. The 3rd album on Voodoo Rhythm Records (2008 - melville 2010 a poson tree)
EVIL MOODS, sets things clear right from the title. Lyrically inspired by the pioneers of noir/hardboiled fiction like Dashiell Hammett, James Cain and Jim Thompson (whom the eponimous song is dedicated to) as well as by autobiographic experiences, the music also sees a return to the grittier Rawer Sound, the band walking paths that led them across the sun-scorched territories of folk and americana. The Album was recorded in Italy on a Farm and mixed in Berlin, features on two songs the percussive work of Maximilian Weissenfeldt of Heliocentrics and Whitefield Brothers
The Band Started in Torino Italy 2005. After their debut single, and Albums on Voodoo Rhythm records and Outside Inside Records they Toured Europe a couple times. together with Jon Spencer Blues Explosion, Lost Sounds, etc in 2013 they Did their 1st USA Tour and recorded a live show for New York’s famous WFMU radio station, Its Incredable how Special and Unique this band sounds and stands out in the italian and World Wide music scene. They do their very own thing, Totaly Inspired By Books and Writers Herman Melvile, Friedrich Nietsche etc Squeezing it all into their Musik mixed up in a Storm of Poerty like no one else can do, they are Deffenetly Home in the 4th Generation Garage Scene ( chrome cranks, Thee Oh Sees ,black lips, Country Treasers, Ty Segall etc) but as well totaly different, they Shreding parts of the Birthday Party ( Nick Cave's 1st band) Free Jazz , LSD Oriented Sailor Exotica and Garage Punk Folk Psychadelica and mix it all together into the Music of the Movie Star Junkies




 

 


DEUTSCH
MOVIE STAR JUNKIES sind zurück mit ihrem dritten Album auf Voodoo Rhythm Records (2008 - melville 2010 a poson tree) EVIL MOODS macht vom Titel her schon alles klar, inspiriert von den Pionieren des Noir/True Fiction Romanes Dashiell Hammett, James Cain oder Jim Thompson (letzterem wurde ein Song gewidmet) sowie ihren Autobiografien, Musikalisch sind sie auch wider zu ihren eher Rauen Treibenden Anfängen zurück gekehrt nach dem eher Sphärischen album auf Wild Honey, und lassen elemente wie Folk und Americana einfliessen , aufgenommen in Italien auf einem Bauernhof, und abgemischt in Berlin von Nene und Maximilian Weissenfeldt (Dr John) ( Heliocentrics , Whitefield Brothers )
die Band Wurde 2005 in Turin Italien gegründet nach ihren Debut Singels und Alben auf Voodoo Rhythm records sind sie diverse male in Europa auf Tour gegangen zusammen mit Jon Spencer Blues Explosion, Lost Sounds etc. 2013 dann zum ersten mal nach USA ,dort ua im Legendären New Yorker WFMU eine Live Show eingespielt, Muddy Roots Festival gespielt und viele mehr , MOVIE STAR JUNKIES sind vom anfang an ihren ganz eigenen Weg gegangen und setzen sich ab von der Italienischen und Europäischen Musik Szene, ihre Musik ist sehr inspiriert von dem was sie lesen Herman Melville, Friedrich Nietzsche Dostojewski etc sie spielen Konzerte und Tours zusammen mit Chrome Cranks, Thee Oh Sees ,THE Black Lips, Country Treasers, Ty Segall etc der 4th Generation Garage Punk kann man auch die Movie Star Junkies einordnen




"Evil Moods è un nuovo messaggio da parte di una delle più grandi  band italiane." Buscadero
"I Movie Star Junkies sono italiani e spaccano. Punto e basta." GQ
"Taglienti, diretti e sporchi, (...) i MSJ si confermano una realtà più unica che rara." Mucchio
"Atmosfere sulfuree, ritmiche travolgenti, echi psichedelici: la band torinese è un lanciafiamme punk blues." XL La Repubblica
"La colonna sonora di True Detective. È quel che potrebbe essere questo disco dei Movie Star Junkies, italianissimi all'anagrafe, profondamente americani nel suono." Rolling Stone
"Un ritorno che lascia il segno." Rumore


REVIEWS

Vive le Rock Issue 24, 2015
A lesson in sonic seduction (8/10)
The consistently excellent Voodoo Rhythm ist he perfect home for these Italian rapscallions and this, their third album fort he label, seeing their devilish psychedelic blues sexier and more sinister than ever before. The beefheart-es-que rhythm of ‚Three Times Lost' takes us on a loose limbed limp through the shadows oft he night until the tribal twist of ‚Please Come Home' casts a seductive spell which leads us dancing helplesslxy into a world of exquisite danger. The effortlessly catchy and quite frankly gorgeous ‚Rising' slinks over and coils itself around your heart, whilst slipping a knife down your pants. ‚Jim Thompson' comes on like Mudhoney with a derange3d brass section and the evil mantra of ‚Red Harvest' pumels us into total defeat. Possibly the creepiest, druggiest 36 minutes of fun you'll have all year. (Nick ‚Avinit' Abnett)

DYNAMITE (DE)
Wer Garage mag, kommt an dem Label Voodoo Rhythm nicht vorbei, seit Jahren ein Aushängeschild für Musik „der etwas anderen Art". Die Movie Star Junkies, die nun ihr drittes Album auf diesem Label veröffentlichen, kommen aus Turin (ja, da gibt es mehr als nur ein olles Grabtuch) und sind fest in der italienischen sowie europäischen Musikszene verwurzelt. Motiviert und inspiriert von dem Noir/True-Crime-Autoren Dashiell Hammett, James Cain und Jim Thompson, klingen die Jungs auch wie ein guter Krimi: Spannend und irgendwie locker aus der Hüfte, wenn man den rotzigen Garagensound mag. Ich empfinde die Junkies als sehr musikalisch, kein Geschräbbel,kein Geschrei, sondern sanfte und
„krimitöse" Klänge, die nicht in den Ohren schmerzen, sondern dem Gehörgang eher schmeicheln. Also Knarre raus, Mantel an, Kippe an und dem True-Crime-Soundtrack lauschen.
3 von 5 Sterne

THE EXAMINER (USA)
Evil Moods is the perfect title for the new album by Italy's dark garagey rock'n'roll and psychedelic noir punk band Movie Star Junkies. Like their other releases on Voodoo Rhythm Records, this band has a history of wearing its inspirations on its sleeve, first with 2008's Melville, a concept record influenced by Herman Melville's Moby Dick, then 2010's A Poison Tree, which tipped its hat to 18th-century poet and painter William Blake, and finally 2014's Evil Moods, which pays tribute to '60s and '70s hard-boiled fiction writers Dashiell Hammett, James Cain and Jim Thompson. And the album as a whole possesses that sort of sound exactly, the sort that might serve as the soundtrack to a murder in black and white; a strange hushed conversation in a '50s style diner between two shady cats in the foreground, while a beautiful woman in a dress dances alone by the jukebox in the background; a scene in which the silhouette of a mysterious suit-wearing man stands coolly in an apartment doorway, whose presence there may be to kiss the girl or kill the girl (it could go either way); a bespectacled man with dark, slicked-back hair, absently smoking a cigarette while hunched over a vintage typewriter...ashes falling from the tip of the cigarette onto the typewriter's keys as rain beats against the window and sirens sound from the city streets below. New album by Italian rockers Movie Star Junkies courtesy of Voodoo Rhythm Records
The Evil Moods of the Movie Star Junkies are expressed throughout the album, beginning with "A Promise," and then moving on through such standouts as "Please Come Home," "Jim Thompson," "All Sorts of Misery," and ending with "Move Like Two Ghosts." To get an idea of what the Movie Star Junkies' have done with Evil Moods, check out the video for "A Lap Full of Hate" attached to this write-up.

GONZO CIRCUS (NL)
Movie Star Junkies komen op de proppen met hun derde langspeler (na 'Melville', 2008 en 'A Poson Tree', '10) voor Voodoo Rhythm en het is meteen hun beste plaat tot op heden. Niet dat het een plaat is die blij en optimistisch klinkt. Integendeel. Het gezelschap uit Torino dat aan de weg timmert sinds 2005 titelt de plaat niet voor niets 'Evil Moods'. Voor het label klinkt de plaat behoorlijk gelikt en netjes afgewerkt, maar dat is ook waar de elf liedjes om vragen. Wanhooppop noteerden we in onze chaotische koker -met 'Please Come Home', postpunk met dat typische Au Pairs-gitaartje, en 'Rising', waarin de stem van Stefano Isaia heel diep en donker klinkt en de blazers nog wat extra treurnis toevoegen- als uitstekende voorbeelden. 'A Lap Full Of Hate' bevat dan weer een als een piano klinkend orgel, dat de diversiteit van de liedjes, geïnspireerd door hardboiled detective schrijvers als Dashiel Hammett, James M. Cain en Jim Thompson (die een nummer krijgt als eerbetoon), extra in de verf zet. 'Evil Moods' is bijna op toon gezette literatuur zonder ook maar ergens hoogdravend te klinken. Prima plaat. Urban Junior pakt het op zijn eentje ietwat anders aan. Hij is afkomstig uit Zwitserland en speelt door een Korg synthesizer, een gitaar en een basdrum aangedreven synthesizer-garage-punk-trash-rock-'n-roll. Een mondvol voor nummers die wat weg hebben van veel vroege synthesizerprobeersels zoals latere Suicide, de resem bands die experimenteerden alvorens synthesizerpop te maken (Human League en tijdgenoten) maar ook hedendaagse bands als Liars of The Knife. Luister naar het opzwepende 'Lass Los' en het nog heftiger 'Backdoor Boogie'. Electropunk van de beste kwaliteit en het hoogste meeschudgehalte! Hij laat echter ook ruimte voor nummers die zijn meer duistere kant belichamen, zoals 'New Life'. Dr. S en Mr. P belichamen zijn Dr. Jekyll en Mr. Hyde , die hij middels zijn platen en zijn freakshow op het podium weet te ventileren en van zich af te spelen. De volledige tekst is alleen zichtbaar voor abonnees. Voor meer informatie bezoekt u de abonneepagina.

SHADAZZ (FR)
Torturé à l'image de son nom, doté de sonorités complexes qui rendent difficile l'exercice de le catégoriser dans une case, le nouvel album des italiens Movie Star Junkies n'en demeure pas moins une vraie réussite pour les 5 compères, toujours avide de littérature et de riffs garages dévastateurs.
A l'heure où la composition musicale est devenue pour certains « simple » affaire de bidouillages sur des machines, au détriment de la pratique instrumentale, de nombreux groupes sont venus prendre le contre-pied du mouvement en mettant en avant le côté DIY de leurs prod. Le revival garage rock, ou même punk, est à cet égard assez symptomatique de cet état d'esprit. Pour autant, dans la marée de groupes qui jouent cette carte, peu peuvent se targuer de réussir l'exercice de manière convaincante. Les turinois de Movie Star Junkies peuvent prétendre figurer parmi ceux qui ravivent cette flamme garage avec brio (aux côtés des Thee Oh Sees, et autre Ty Segall), Vice allant même jusqu'à déclarer que « Le jour de la Saint-Barthélemy garage-punk, les Movie Star Junkies seront épargnés ». Si peu. Si apriori ce style musical semble plutôt réservé de premier abord à des contrées crasseuses d'Amérique du nord ou d'Australie, les Movie Star Junkies viennent nous rappeler que l'Italie a su accueillir un certain nombre des représentants du genre, de Pression X à The Sick Rose en passant plus récemment par The Cyborgs. Deux ans après un album plus orienté vers des sonorités americana voire folk, ce Evil Moods sonne comme un retour aux sources pour ceux qui inscrivent leur pas dans l'univers torturé post-punk des Birthday Parties ou des Gun Club.
A l'image de ce bricolage, le garage punk des Movie Star Junkies s'articule dans cet esprit DIY punk foutraque
Les influences d'Evil Moods sont multiples, et c'est précisément ce qui en fait un album réussi. En insufflant dans ses compositions garages des touches psychédéliques (« All Sorts Of Misery »), punk, blues ou surf (« A Lap Full Of Hate »), le groupe italien parvient à sortir des sentiers battus tracés par des formations garages qui inondent le champ musical. Des compositions efficaces, loin d'être simplistes mais qui tombent sous le sens : l'alchimie proposée par les 5 trublions opère tout au long des 30 minutes d'Evil Moods. On tient là au passage peut-être le seul défaut notable ; une durée d'écoute courte, mais qui peut aussi s'analyser comme une réussite : celle de s'avoir s'arrêter sans en faire trop. Au-delà d'une réussite sonore endiablée et torturée, Movie Star Junkies se paie le luxe de se la jouer intello en continuant sur sa lancée d'albums-concepts axé littérature. Après un premier album (Melville, 2008) dédié à l'écrivain-poète américain Herman Melville auteur de Moby-Dick, un deuxième (A Poison Tree, 2010) en hommage au poète britannique William Blake, les italiens se penchent cette fois sur le roman noir américain. En convoquant Jim Thompson, l'auteur de Le Démon dans ma peau ou celui considéré comme le fondateur du genre Dashiell Hammett (sur le génial « Red Harvest », nom d'un de ses livres), les Movie Star Junkies donnent à leur nouvel album une dimension intellectuelle qui n'est pas déplaisante.
Signé comme deux de ses trois derniers albums sur Voodoo Rhythm, ce Evil Moods porte en lui cette démence rebelle propre au label suisse. Fondé par le génial Reverend Beat-man, l'écurie de musiques alternatives et indépendantes s'efforce de proposer depuis 1992 une qualité sonore irréprochable à ses auditeurs qui ont su lui rendre la pareille en participant à une campagne de financement participatif il y a peu pour renflouer le navire. A l'image de ce bricolage, le garage punk des Movie Star Junkies s'articule dans cet esprit DIY punk foutraque ; Garage, Vespa & Tomates Mozza.

Platic Bomb Nr. 90 (DE)
Die MOVlE STAR JUNKIES sind hörbar inspiriert von den Schriftstellern des düsteren Noir / True Fiction Genres wie Jim Thompson, dessen Vater übrigens ein wagen Veruntreuung angeklagter Spieler und Säufer war, der seiner Bestrafung durch Flucht nach Mexico entging und der selbst später sogar zeitweise für AI Capone Akohol schmuggelte bevor er später schließlich Schriftsteller wurde. Ebenso düster wie die Krimis dieser Autoren ist auch die Musik der MOVlE STAR JUNKIES. Die Helden besagter Geschichten sind übrigens keine Detektive. sondern in der Regel Opfer, Verdächtige oder gar Täter, amoralische Typen in einer amoralischen Welt und die MOVlE STAR JUNKIES liefern auf der „Evil Moods" sozusagen den passenden Soundtrack hierzu. Zehn atmosphärisch äusserst dichte, düstere und auch durchwegs abwechslungsreiche Stücke. die in musikalischer Hinsicht auch so etwas wie eine Rückbesinnung auf die musikalischen Wurzeln der Band sind. Sol heißen weitaus weniger abgespaced, sondern wieder deutlich tanzbarer und mit mehr Folk und Americana-Anteilen präsentieren sich die MOVIE STAR JUNKIES auf ihrem bereits dritten Album. Was aber auch nicht heißen soll, dass nicht der ein oder andere durchaus absichtlich verstörende Klang seinen Weg auf den Tonträger hier gefunden hat. Ich mag ja diese leicht kranke, dezent gestörte Grundstimmung, die die Platte mit jeder Rille verströmt. Wobei insgesamt doch eher subtil, als allzu sehr mit der Brechstange gearbeitet wird. Für den recht modernen Garagenpunk der MOVIE STAR JUNKIES ist Pop nämlich mit Sicherheit auch kein Fremdwort. Schöne Scheibe, wie bei Voodoo Rhythm üblich auch in mehr als ordentlicher Aufmachung. (wwwvoodoorhythmcom) -Besti-

Punkrock Nr. 22 (DE)
Mit ihrem neuesten Album bereisen die Movie Star Junldes aus man wieder die dunklen, etwas raueren Ströme, ihrer Anfangstage. Weniger sphärisch, als treibender Garage Punk mit träumerischer Tiefe, bedient man sich der verschiedensten Stile. um das dritte Album wieder zu einer äußerst abwechslungsreichen Platte zu machen. Americana, Psychedelic und Folk-Elemente sowie literarische Themen aus dem Hard-Boiled-Fiction-Bereich, wie zum Beispiel Jim Thompson, dem ein Song gewidmet wurde, machen aus „Evil Moods" ein tolles, sehr eigenes Werk. Empfehle ich wärmstens! /Dennisdegenemne

Dig It! Nr. 63 (FR)
Les Movie Star Junkies sont de retour au bercail avec un quatrième album, Evil Moods, plus tendu et intense que le précédent. Une production au scalpel y sculpte une dizaine de titres au groove ondoyant, entre melodies majestueuses (le morceau d'ouverture «A Promise» ou les envolées d'orgue du final «Move Like Two Ghosts»), jazz mutant hypnotique (et une section de cuivre invitée sur leur hommage au maître du roman noir «Jim Thompson»), arabesques vocales soutenues par des rafales de batterie forcenées («In The Evening Sun» ou «Red Harvest»), folk cosmique poignant («All Sorts Of Misery») et transe psychotronique («Please Come Home»). Les textes ne respirent pas la joie de vivre. pourtant on en ressort ému, apaisé et heureux. Diabolique!

OX (DE)
Die MOVIE STAR JUNKIES sind zurück mit ihrem dritten Album auf Voodoo Rhythm Records! EVIL MOODS macht vom Titel her schon alles klar. Inspiriert wurden sie durch die Pioniere des Noir/True Fiction Romans wie Dashiell Hammett, James Cain oder Jim Thompson (letzterem wurde sogar ein Song gewidmet) sowie deren Autobiografien. Musikalisch sind sie nach dem eher sphärischen Album auf Wild Honey wieder zu ihren eher rauen treibenden Anfängen zurückgekehrt und lassen Elemente wie Folk und Americana einfließen. Das Album wurde aufgenommen in Italien auf einem Bauernhof und abgemischt in Berlin von Nene und Maximilian Weissenfeldt (Dr John, Heliocentrics , Whitefield Brothers ). Die Band wurde 2005 in Turin Italien gegründet und nach ihren Debüt-Singles und Alben auf Voodoo Rhythm Records sind sie diverse Male in Europa zusammen mit Jon Spencer Blues Explosion, Lost Sounds und anderen auf Tour gegangen. 2013 tourten sie zum ersten Mal durch die USA, um dort unter anderem im legendären New Yorker WFMU eine Live Show zu spielen. Auch auf dem Muddy Roots Festival spielten sie neben anderen Shows. MOVIE STAR JUNKIES sind vom Anfang an ihren ganz eigenen Weg gegangen und setzen sich von der italienischen und europäischen Musikszene ab. Ihre Musik ist sehr inspiriert von dem, was sie lesen: Herman Melville, Friedrich Nietzsche, Dostojewski, etc. Sie spielten Konzerte und Touren zusammen mit den Chrome Cranks, Thee Oh Sees,The Black Lips, Country Treasers und Ty Segall. In den 4th Generation Garage Punk kann man auch die Movie Star Junkies einordnen.

MODZIK (FR)
Encore trop peu connus dans nos contrées, les Movie Star Junkies ont pourtant déjà deux albums au compteur. Originaire de Turin, leur musique semble pourtant tout droit sortie d'Austin au Texas. Mêlant le garage tendance psy- chédélique à des guitares plus stoner, Evil Moods, l'album qu'ils viennent de sortir, sonne déjà comme un classique du genre. On pense parfois aux Walkmen (pour la tendance americana) mais aussi à Birthday Party (pour la verve) ou encore à Wooden Shjips. Intemporel et abrasif, nul doute que Evil Moods va faire par- ler de lui. GC

PLASTIC BOMP (DE)
Die MOVIE STAR JUNKIES sind hörbar inspiriert von den Schriftstellern des düsteren Noir / True Fiction Genres wie beispielsweise Jim Thompson, dessen Vater übrigens ein wegen Veruntreuung angeklagter Spieler und Säufer war, der seiner Bestrafung durch Flucht nach Mexico entging und der selbst später sogar zeitweise für Al Capone Alkohol schmuggelte bevor er später schließlich Schriftsteller wurde. Ebenso düster wie die Krimis dieser Autoren ist auch die Musik der MOVIE STAR JUNKIES. Die Helden besagter Geschichten sind übrigens keine Detektive, sondern in der Regel Opfer, Verdächtige oder gar Täter, amoralische Typen in einer amoralischen Welt und die MOVIE STAR JUNKIES liefern auf der „Evil Moods" sozusagen den passenden Soundtrack hierzu. Zehn atmosphärisch äußerst dichte, düstere und auch durchwegs abwechslungsreiche Stücke, die in musikalischer Hinsicht auch so etwas wie eine Rückbesinnung auf die musikalischen Wurzeln der Band sind. Soll heißen weitaus weniger abgespaced, sondern wieder deutlich tanzbarer und mit mehr Folk und Americana-Anteilen präsentieren sich die MOVIE STAR JUNKIES auf ihrem bereits dritten Album. Was aber auch nicht heißen soll, dass nicht der ein oder andere durchaus absichtlich verstörende Klang seinen Weg auf den Tonträger hier gefunden hat. Ich mag ja diese leicht kranke, dezent gestörte Grundstimmung, die die Platte mit jeder Rille verströmt. Wobei insgesamt doch eher subtil, als allzu sehr mit der Brechstange gearbeitet wird. Für den recht modernen Garagenpunk der MOVIE STAR JUNKIES ist Pop nämlich mit Sicherheit auch kein Fremdwort. Schöne Scheibe, wie bei Voodoo Rhythm üblich auch in mehr als ordentlicher Aufmachung. -Basti-

NOISE (FR)

C'est le retour des Movie Star Junkies avec un nouvel album intitulé « Evil Moods » à paraitre le 24 novembre chez Voodoo Rhythm et Differ-ant. Un album qui se veut être un retour aux fondamentaux, à l'incandescence et l'âpreté de leurs premiers enregistrements après une période d'accalmie qui avait vu le groupe marcher sur les traces de la folk et de l'americana sur « Son Of The Dust » sorti en 2012. Le son, sans ambages, marque ici un tournant résolument plus sombre, permettant aux Movie Star Junkies d'esquisser les contours d'une pop mélancolique et habitée.

THE METROPOLIST (UK)
Movie Star Junkies are Italy's finest musical export, heck they may even be Italy's finest export period. The Torino founded band are back with their fourth album, Evil Moods, which continues the band's love of literature as a musical muse. This time it's the pioneers of noir/hardboiled fiction like Dashiell Hammett, James Cain and Jim Thompson (whom the eponimous song is dedicated to) as well as their autobiographic experiences that are the launchpads for their unhinged guitar stomp. Think The Cramps, Clinic, The Eighties Matchbox Beeline Disaster... shit that makes people freak out. The band are over in the UK next week in support of fellow electric-shock-rocker Ty Segall and with Evil Moods out December 1st, now is a perfect chance to catch these punk-blues supremos before the album drops. To celebrate their tour and album, the band have released their new video for A Lap Full Of Hate; a non-stop pounding of guitar riffs and magic moments, set to the band playing underwater. Their live dates are below and see the video her exclusively.

MONOLITH COCKTAIL (UK)
Ayfer Simms discovers the cinematic noir of the Movie Star Junkies, and finds it evoking plenty of lyrically disturbing criminal fantasies and scenery. Careful now: she know's where the bodies have been buried.
Movie Star Junkies 'Evil Moods' (Voodoo Rhythm) 1st December 2014  'The Movie Star Junkies or Rolo Tomassi resurrected.'
Transported to the desert of Los Angeles, or at least anywhere with a big enough desert to abandon crime victims, an explosive groovy rock gang rehearses the good, the bad and the ugly: The sheriffs are jumping about with stolen guns, the bandits are teasing each other with fake gold and the rest of the horde is watching the spectacle while ingurgitating the 'all so precious' prohibited liquor. The guitars, both spine-tingling and spirited with its reverb and oriental rock effects of the 60s as well as the piercing and racy vocals of the band lead the show into the world of crime: The album portrays the victims, the wise guys, the crooks, the fugitives all thrown in the same bag: They dance with violence and their rhythms are detonating in a joyous furry. The Movie Star Junkies are the Tarantino of the music scene: The band's name fabulously matches their favourite theme too: the hardboiled crime fictions. Tracks like 'Jim Thompson' refers to the tormented alcoholic writer of noir crime novels and 'Red Harvest' is the title of one of them, described by the French author Andre Gide as being a novel of 'remarkable achievement, the last word in atrocity, cynicism, and horror'. "The Mobsters" are back from the dead: On their way from hell they brought all the skeletons hidden in their closets and they have the rhythm in their bones; Rolo Tomassi emerges with a vengeful grand smile while a newly acquired body fleshed out with all the murdered crowd: The clever liquor peddler, the corrupt politician's sweetheart, the wasted patrol man: All thrown in the same bag and shaken until they all come out attuned to the same sound. The tunes are energetic; they have that voodoo spaghetti western like rhythm to them, a pinch of the old pulp movies and a psychedelic disco sound reminiscent of the music played during the action scenes of Starsky and Hutch.
With tracks like 'In The Evening Sun' the slow and hypnotic melody throws us in the mind of someone who did take that bullet: about to sink into death he watches the evening sun go down for a very last time; chilling but perhaps the most startling track of the album: He is Joe Gilis lying on the pool talking beyond his grave, he is Fredo Corleone about to swim with the fish. Enticing, banging, full of suspense, the tunes describe a world gone completely mad; certainly an album that will send you, if not at the bottom of the desert sand, at least in front of your screens to discover some good old noir classics. It is only a matter of time before a director hires the Movie Stars Junkies for a cinematic collaboration.

Redattore MusicOff - Alessandro Basile (IT)
Ne abbiamo presentati parecchi di progetti affascinanti all'interno della rubrica "Italian's B-Sides", ma onestamente un gruppo dal sound acido e tagliente come quello dei Movie Star Junkies ci mancava proprio. Un po' di tempo fa è arrivato in redazione l'ultimo lavoro in studio di questa band che tutto sembra essere tranne che italiana: per il tipo di musica che propongono, si direbbe infatti che i Movie Star Junkies provengano dall'America del nord. E invece no, questo quintetto è italianissimo (di Torino per l'esattezza), ma evidentemente nutre da sempre un debole per certe sfumature garage, psichedeliche, blues e post-punk proprie della cultura statunitense.
Il 24 novembre scorso ha visto la luce il quarto Lp d'inediti del gruppo. Il disco, intitolato Evil Moods e pubblicato per conto della Voodoo Rhythm Records, è il seguito ideale di Son Of The Dust, album rilasciato dai Movie Star Junkies nel 2012. Evil Moods è stato inciso all'interno del Gheddu Studio di San Pietro del Gallo, in provincia di Cuneo. Delle registrazioni si sono occupati Massimiliano Moccia e il bassista del gruppo Emanuele "Nene" Baratto; poi lo stesso Baratto (o "Nene", fate voi) si è recato a Berlino per mixare e masterizzare il tutto in compagnia di Benjamin Spitzmueller presso lo StibbTone Studio.  Evil Moods è un disco devastante, uno di quelli che riescono a folgorare fin dal primissimo ascolto. È un album destinato a far andare in visibilio tutti quegli ascoltatori da sempre attratti dal punk-blues dei Gun Club, dal rock 'n' roll dei Radio Birdman, dal lo-fi sublime degli Sparklehorse o dal post-punk malato dei mitici Cramps, così come dei Television. Dieci sono le tracce che costituiscono questo lavoro. Si tratta di componimenti decisamente incalzanti, tanto ritmati e coinvolgenti da far venire voglia di ballare durante l'ascolto. Sì, dobbiamo ammetterlo: Evil Moods è un disco che stimola il movimento naturale e incontrollabile del corpo. Ovviamente, essendo un disco di matrice rock, sono le chitarre elettriche le autentiche protagoniste. Riff continui e progressioni ipnotiche si susseguono in un incessante mood ricco di fascino per via della pregevole, sapiente, mescolanza di diverse radici sonore. Ogni canzone di Evil Moods è uno spettacolo. Ogni brano conserva un tiro che definire micidiale è poco. Insomma, il top per gli amanti del rock 'n' roll più grezzo.
L'apertura del disco viene affidata ad un brano fantastico come "A Promise", per larga caratterizzato da una forte impronta indie che finisce per lasciare il posto a brevi ma irresistibili momenti di psichedelia in stile The Doors. La successiva "Three Time Lost" risulta trascinante, incalzante e potente fin dalle battute iniziali. E il discorso vale anche per "Please Come Home", il cui finale rallentato introduce nel migliore dei modi un brano sornione ma comunque intenso quale "Rising", irresistibile soprattutto per il suo andamento claudicante e per i suoni sporchissimi delle chitarre. "Jim Thompson", quinta traccia dell'album, è con molta probabilità una delle canzoni più coinvolgenti e immediate di tutta la raccolta: anche qui è notevole l'intensità musicale, esaltata alla grande dal lungimirante utilizzo di fiati in stile Morphine che si sposano ottimamente con i riffoni dal piglio blues. Un pezzone, non c'è che dire. Non da meno anche il brano che segue, vale a dire "A Lap Full Of Hate", pregevole per le sue sfumature anni Settanta e per il taglio graffiante accentuato non solo dalle chitarre, ma anche dal cantato indiavolato del frontman Stefano Isaia.
Evil Moods è uno di quei lavori perfetti perché più si va avanti con l'ascolto, più si nota come non perda mai colpi in fatto di brillantezza ed efficacia. Sia "In The Evening Sun" che "All Sorts Of Misery" confermano nuovamente la genialità e la follia di un album chiuso in modo sublime da un'accoppiata di pezzi fenomenali quali "Red Harvest" e "Move Like Two Ghosts". Dunque, visto che abbiamo già esagerato con le lodi ci fermiamo qui con i complimenti e le osservazioni per non apparire stucchevoli e ripetitivi. Certo, lasciateci almeno ribadire che questo Evil Moods spacca sul serio, e che se non è la migliore produzione in assoluto dei Movie Star Junkies poco ci manca.

Line-up:
Stefano Isaia – voce, organo
Vincenzo Marando – voce, chitarre
Alberto Dutto – chitarre
Emanuele Baratto – basso
Caio Miguel Montoro – batteria


MUZZ ART (FR)
Quatrième album pour le quintet italien Movie Star Junkies, vu il y a quelques temps à l'Ouvre-Boite de Beauvais, auteur d'une pop/blues-punk personnelle et accompli, inspiré ici dans l'écriture par les précurseurs du roman noir américain Jim Thompson, auquel une chanson de l'opus est dédiée, ou encore Dashiell Hammet. Les morceaux, possédés, peuvent se faire chatoyants, mélodieux (Rising, superbe essai quasi-pop) et l'amorce rend un idée assez fidèle de l'esprit du groupe, aussi rageur que distingué, semblable en cela à Nick Cave (A promise, qui sera tenue, en ouverture). Enfiévré, le registre allie en effet blues sombre et rock de caractère, voix encanaillée (Three time lost) et impulse un groove obscur, zébré de guitares rageuses et par un orgue aux interventions judicieuses. Les essais saccadés dénombrés sur Evil moods (Please come home, nouvelle réussite racée/remontée) donnent à celui-ci une belle envergure, Stefano Isaia et consorts asseyant définitivement, par ce bais, un univers qui n'est du qu'à leurs aptitudes. Plus loin, Thompson trouve avec "sa" chanson un bel hommage, noir bien sur et traversé par des cuivres qui rappellent Thee Hypnotics, c'est dire la valeur du rendu. On en est alors à la moitié de l'ouvrage, qui avec Lap full of hate insuffle à nouveau des élément bluesy passés au filtre d'une instrumentation stylée et vivace, rude aussi. Movie Star Junkies a l'art d'allier panache et déviance, pose parfois le jeu sans y perdre en attraction (In the evening sun). On les imagine, sur les planches, intenses et habités et All sorts of misery rend bien cette posture à égale distance du beau et du plus tourmenté. On monte ensuite d'un cran dans la cadence sur l'entêtant Red harvest, avec ses choeurs déjantés et sa prestance dans l'ornement. Le tour est joué, l'affaire pliée et Move like two ghosts conclura avec une élégance blues-rock griffue une série de dix plages inattaquables et, par là-même, un Evil moods au titre juste et au contenu de belle facture.

DER HOERSPIEGEL (DE)
Das dritte Album der Movie Star Junkies hat 11 Songs im Gepäck, die eine musikalisch vielschichtige Mischung bereit halten. Der Gitarrensound reicht dabei von Garage über Punk bis hin zu leicht folkigen Einflüssen. Immer wieder finden sich kleine Melodiebögen, die das raue Soundgemisch auflockern und kontrastieren. Das Album, dessen Texte von literarischen Vorlieben der Bandmitglieder beeinflusst sind, erscheint als CD mit umfangreichem Booklet und auch, wie es in letzter Zeit wieder üblich ist, als LP mit CD. Für Freunde des Garage Punk Sound sicherlich ein Ohr wert.

ROCK IT (IT)
Che siano una delle migliori live band del nostro Paese, è assodato (e ricordo ancora i volti terrorizzati dei fonici quando seminarono il panico sul palco Pertini al MI AMI 2010). Sono pronti per partire per uno dei loro capillari tour tra Italia ed Europa, ma prima fermiamoli un attimo: è pronto "Evil moods", nuovo disco che, se non contiamo la raccolta di singoli uscita l'anno scorso, segue direttamente "Son of the dust", album che aveva segnato una svolta più intimista e crepuscolare rispetto ai vulcanici ed anarchici esordi. Qui, se vogliamo, i MSJ tornano al loro sound classico, più Birthday Party che secondi Bad Seeds per intenderci, ma senza dimenticare le lezioni apprese col lavoro precedente: con le chitarre di "Three time lost", ad esempio, rinverdiscono i temi western che già erano portanti su "Son of the dust", o con i tenebrosi cori di "Please come home", che invece si muove su nervosissime basi funk. E proprio il funk, turbolento, tagliente, irregolare, è la principale novità di "Evil moods": era già presente, in qualche modo, nei primi lavori dei Movie Star, ma qui si affaccia nel sound in modo più deciso e consapevole, fino alla comparsa dei fiati in "Jim Thompson". È un funk che meno nero non si potrebbe, che meno solare non si potrebbe, eppure senza le sue pulsazioni frenetiche si romperebbe il perfetto equilibrio tra rumore e ritmica che caratterizza questo disco, e in generale il suono della band piemontese. Che cresce, cresce, cresce in un'esplosione continua. E al momento in cui ti sembra di essere arrivato al punto di saturazione, ti piazza due ballate come "Rising" e "In the evening sun". Ché la maturità è anche un po' questo, sapere quando fermarsi. E magari iniziare a tirare le fila (in questo senso un pezzo come "Moving like two ghosts" è emblematico) di ciò che hai fatto finora, per poi ripartire. In avanti, all'indietro, a destra, in qualsiasi direzione. L'importante è essere sempre in movimento: e questa è una cosa su cui i Movie Star Junkies potrebbero davvero tenere dei corsi master.

Electrophone (FR)
On pourrait globalement classer les groupes de rock garage actuel en deux catégories. D'un côté, il y a ceux qui suivent la mode, sans vraiment chercher à faire évoluer le style, en copiant sans cesse ce qui a été fait avant. Ce sont généralement ceux que l'on oubliera très vite à cause de leur manque de personnalité. De l'autre, il y a ceux qui ne se contentent pas de singer une scène et injectent à leur musique une pointe d'originalité qui permet de les distinguer des premiers et donc d'avoir une affection particulière de notre part. Inutile de vous dire que nous classons Movie Star Junkies dans la seconde catégorie. Depuis leurs débuts, les garageux turinois exploitent une veine originale en incluant dans leur rock fiévreux des influences dépassant le simple cadre musical, à savoir, la littérature. Leur premier album intitulé Melville (2008) rendait déjà hommage à l'auteur de Moby Dick. Aujourd'hui, Movie Star Junkies revient sur les lieux du crime en s'inspirant du roman noir avec des clins d'œil aux maîtres du polar américain plus (Jim Thompson) ou moins prononcés (Red Harvest reprend le titre d'un livre de Dashiell Hammett). Comme les écrivains qui les inspirent, Movie Star Junkies installe des ambiances à l'esthétique sombre et décadente. On suit ici une succession de compositions crépusculaires et toxiques où règne un univers interlope. Les rythmes sont souvent tendus et électriques. Finis le folk et l'americana de Son Of The Dust (2012). Avec Evil Moods, Movie Star Junkies s'offre à la fois un beau retour aux sources et leur meilleur album à ce jour. Sorte de Murder Ballads façon polar spaghetti, Evil Moods est un lumineux disque noir.

foutraque (FR)
Evil Moods est 3ème album de ce groupe italien de Turin. L'album est édité sur le célèbre label Voodoo Rhythm, la maison en bois du suisse Reverend Beatman. Si le fameux garagiste religieux c'est intéressé à Movie Star Junkies, c'est que le groupe doit avoir de la ressource. En effet, ils en ont. Leur musique mixe avec brio, des sons rock garage avec du psyché, de la pop et de l'after punk. Entre Gang Of Four, The Clash, The Stooges, The Gun Club, James Chance, nos italiens ont du punch. La voix se plonge à merveille dans les riffs acid des guitares et les rythmes garage de la basse et de la batterie tiennent notre mental en haleine. Tout s'accorde à merveille dans ce joyeux orchestre de rock à la fois sale et presque pop. Si vous êtes fan des Black Lips et de Thee Oh Sees, vous allez pouvoir compléter votre bonheur musical avec ces italiens qui chantent en anglais sans aucun accent. La classe !

DISTOSIONI (IT)
'Americana', riporta il tag a questa recensione. Sfidiamo infatti chiunque a dire che i Movie Star Junkies non siano americani. Invece sono italiani, piemontesi per la precisione. Tipicamente d'oltreoceano sono invece la loro musica e le loro fonti di ispirazione. Tra queste la letteratura della terra di Hemingway è tra le più forti, e il genere hard boiled permea questo quarto disco del gruppo, "Evil moods", al punto che troviamo canzoni intitolate Jim Thompson, come il grande autore di "Getaway", "The killer inside me" o "Pop. 1280" ("Colpo di spugna" in Italia), oppure Red harvest, come il romanzo di Dashiell Hammett (in Italia "Piombo e sangue", pensate un po'...), da cui sono stati tratti "La sfida del samurai" e "Per un pugno di dollari". La prima canzone si intitola A promise, ma quello che ci offre è una certezza, non solo una promessa: ascolteremo un disco rock, con tutti i crismi. Chitarre sferraglianti, basso profondo e batteria tengono un tempo di valzer, poi un organo farfisa inserisce una componente psichedelica col suo suono arcano. Notevole anche nella seguente Three time lost il lavoro delle chitarre, inizialmente pulite e sincopate, poi dal suono sporco quando devono ritagliarsi l'assolo.
Caratteristica dei brani, che il gruppo ha pensato in voluto contrasto col disco precedente, "Son of the dust", è che le canzoni spesso seguono un'unica linea compositiva, rifiutando il ritornello (o "aggancio cantabile", come direbbe un autore da festival di Sanremo) per strutturarsi come un unico flusso di coscienza, seguendo anche in questo l'ispirazione letteraria. Possono essere gli stacchi strumentali, come in Rising, a sostituire il ritornello. movieAlcune canzoni hanno anche spunti funkeggianti, come la già citata Jim Thompson, innervata da un'ottima sezione di fiati con spunti anche free. A suonarli Claudio Jolowicz, Jason Liebert e Bastian Dunckert, che si aggiungono alla formazione base, mentre Maximilian Wessenfeldt suona il vibrafono con gusto in Rising e All sort of misery , canzone che sfodera un'anima blues. Un disco valido, l'ennesimo che ci giunge dalla provincia italiana e ci convince di più di tanti lavori che arrivano dalla Scozia o dal Texas. Si dirà che sono musiche derivative e sono altre le radici musicali italiane. Ma ormai viviamo in un mondo globalizzato. "L'America ci ha colonizzato l'inconscio", scriveva Wim Wenders. Spesso ce l'ha colonizzato nel male, con il suo culto del successo, del denaro, dell'individualismo a tutti i costi. Ma c'è anche una Bad America, come direbbe un altro dei nostri eroi, Jeffrey Lee Pierce, che è quella che ci piace. È quella del rock e della grande letteratura, quella che ha ispirato i Movie Star Junkies.

SOUNDS XP (UK)
Movie Star Junkies are a band from Torino, Italy, whose fifth album is meant to be played at 666rpm, and rightly so. It’s a sleazy garage punk noir sound, indebted to the Gun Club, the Bad Seeds, Gallon Drunk and dimestore crime novels. They make it clear who inspires their words, naming ‘Jim Thompson’ after the hardboiled crime fiction writer and filling it with growling lyrics full of a blasphemous vitriol, while the lyrics of ‘In The Evening Sun’ typify their obsessions, citing “dying…drowning…crawling…disease…alone…gone” to make sure the recipient of these words knows the singer isn’t happy. The dark melodies and swampy rhythms of ‘Rising’ summon the ghost of the Gun Club while the staccato sound of ‘A Promise’ is a bit like a psychedelic Beatles, though it contains menacing lyrics that would get you a restraining order for stalking. 'Three Times Lost' is archetypal crime fiction rock’n’roll, but they bust the stereotype with the almost funky guitars of 'Please Come Home' and the brass on ‘Jim Thompson’. Then on ‘Move Like Two Ghosts’, they use Dylan Thomas’s words as lyrics, ending the record on a more thoughtful but no less dark note, accompanied by skittery guitars.  Evil Moods plays with classic rock’n’roll tropes but does so with sure feet, the Junkies knowing their bands and books (and movies) so well. For those needing a little disease and disorder, their dark side is worth investigating.

ONDRA ROCK (UK)
Ai Movie Star Junkies va dato atto, una volta per tutte, di aver saputo plasmare – e in seguito portare avanti con estrema coerenza – un sound assolutamente unico e riconoscibile in un panorama rock che, in Italia così come altrove, fatica non poco a trovare elementi di novità. Non bastasse, quella della formazione piemontese è tutto fuorché una formula accomodante: bazzica i lati più sordidi del garage, si ammanta di una psichedelia sbandata e lo-fi, scava nel rock'n'roll delle origini e lo infarcisce di atmosfere pulp e riff primitivi. Anziché scendere a compromessi, si tuffa sempre più in abissi ben poco accomodanti.C'è insomma, da sempre, un continuo gioco di chiaroscuri nella musica del combo composto da Stefano Isaia (voce e organo), Caio Miguel Montoro (batteria), Vincenzo Marando (chitarra e voce), Alberto Dutto (chitarra) ed Emanuele Baratto (basso). E c'è a maggior ragione in questo "Evil Moods" che rinsalda il rapporto con Voodoo Rhythm, scomodo fin dal titolo, registrato in Italia e mixato a Berlino, che alterna notturni metropolitani e scorribande desertiche in un vortice di canzoni al vetriolo che, singolarmente e nell'insieme, assomigliano a una (riuscita) traduzione in musica di un libro di Raymond Chandler. Più che un incipit, "A Promise" si presenta come una discesa luciferina in un labirintico quanto assordante universo hard-boiled di blues alcolizzati ("Three Times Lost", "Jim Thompson"), orazioni alt-rock ("Please Come Home"), soundtrack tarantiniane ("Rising"), accelerazioni garage-punk ("A Lap Full Of Hate"), stralunate ballad diurne ("In The Evening Sun"), western surreali ("Red Harvest").
A fare la differenza è, ancora una volta, la scrittura: asciutta ma intensa, sempre capace di sfoderare la melodia giusta, che attraversa come una spada il caos apparente della canzone e le conferisce una peculiare atmosfera. Ed è in questo equilibrio precario di rabbia e autocontrollo, dannazione e salvezza, che i Movie Star Junkies da un decennio a questa parte continuano a giocare la loro sfida nel panorama musicale contemporaneo. Rimescolando le carte, e scrivendo daccapo le regole.

FLIGHT 13 (DE)
Das Turiner Quintett ist zurück mit einer Neubewertung alter Errungenschaften. Elaborierter, nackter Garagenpsychrock könnte man sagen, in dem sich Songs noir', manische Inbrunst und literarische Vorbilder zu einer dunklen Essenz zusammenbrauen. Dostojewski trifft auf Melville, Nietzsche auf Dashiel Hammett;Texte voller Anspielungen und Musik trunken wie fuselselige Americana und expressiver Folk. Das alles wird verbunden durch eine manische Entgrenzung hin zu rauher Psychedelic, während die hölzerne Scheune in Flammen aufgeht und der Sänger-Kippe im Mundwinkel- lakonisch ein Zitat der Hochliteratur von den Lippen lässt. Dazu solche entflammten Zündfunken aus der Blues-Versunkenheit wie "Rising" oder "Move like two ghosts", die einen Soundtrack dekadenter Verzweiflung ergeben. Garagepsychrock einer neuen Generation in der Reihe von Chrome Chranks, Ty Segall oder Thee oh Sees. * Voodoo Rhythm.

SOUND LAP
Evil Moods by Italian group Movie Star Junkies is post-punk devolution inspired (apparently) by The Birthday Party and The Gun Club, groups that incorporated harsh punk with rolling blues. The reference is slim rather than palpable. Movie Star Junkies seem more likely inspired by cow-punk Americana bands like The Gourds, or even god-fearing gospel punkers 16 Horsepower, but there are no uncanny resemblances to any of the above groups.The funkiness, and the rawness of the garage sound are refreshing, but the band are let down by a lack of real abandon, and the absence of any pulse raising compositions. Nothing gets airborne. The template works perfectly well as good pub-rock, and I'd reckon they'd be good in a live setting.
I don't wish to undersell their hard work. I can imagine they could produce something much better by incorporating more sleaze and drive, just like their favoured predecessors. There are some pictures depicting band-members on their Facebook page. One shows a bear-like man with a bad comb-over sucking on the end of a fat cigar. The other shows the same band member touching up a fellow band member on the thigh, while the potential complainant is draped in a realistic looking racoon carcass. By combining their subversions, and cultivating a weird if discomforting image, they signal their punk credentials. Its time to get tough on their compositions.

IYE (IT)
A due anni dall'ottimo "Son Of The Dust" e a uno dalla raccolta di tutti i loro singoli, i piemontesi Movie Star Junkies (Stefano Isaia, Caio Miguel Montoro, Vincenzo Marando, Emanuele Baratto) ritornano a pubblicare per la fidata Voodoo Rhythm, dando alle stampe le dieci canzoni di Evil Moods. Il disco, riunendo in un unica occasione l'energia degli esordi e il sound calibrato del precedente lavoro, si rivela fin dal primo ascolto decisamente corposo e intenso. Le chitarre grezze di A Promise, accompagnate da fitti colpi di batteria e un cantato cantilenato e malsano, introducono il sound dal retrogusto western della lurida Three Time Lost (la coda strumentale rapisce il cuore) e l'isterico affascinare dell'intricata e ipnotica Please Come Home. Rising, tra vibrafono e chitarre, si perde in mezzo ai deserti americani, stemperando un po' i toni, mentre la successiva Jim Thompson, tra incalzanti note di ottoni, conquista con il suo cadenzato incedere, lasciando che a proseguire siano i rigurgiti post punk della claustrofobica A Lap Full Of Hate e la malinconia dannata della sinuosa e affascinante In The Evening Sun. Il procedere tormentato di All Sorts Of Misery, infine, apre alla sofferenza ridondante di Red Harvest e agli ampi spazi sonori (definiti dall'organo) della conclusiva Move Like Two Ghosts. Il quarto album dei "piemontesi con l'America nel sangue" si dimostra fin da subito decisamente valido e interessante. Il sound proposto, infatti, anche se facilmente catalogabile come derivativo, dimostra di aver carattere e personalità, catturando l'attenzione ad ogni occasione. Dieci brani curati e sostanziosi che, non lasciando nulla al caso, hanno tutte le carte in regola per far colpo anche sul più scettico e titubante degli ascoltatori.

DISCORDANCE (FR)
Les Movie Star Junkies resteront pour toujours, dans ma petite tête de moineau, comme le groupe qui a littéralement annihilé toute forme de manières aux Combustibles, à Paris, il y a quatre ans de cela. A tel point que le concert dût même être stoppé – la salle était sévèrement blindée et offrait à la vue une immense boule de chair humaine crachant bras et jambes dans un désordre brûlant – au bout de quatre morceaux tant la possibilité qu'un spectateur retrouve son corps plié en quatorze parties inéquivalentes était plus que probable. Quelques mois plus tard, au Trokson, à Lyon, les italiens ont pu cette-fois ci larguer sans interruption un interminable tapis de mort, prestation semblable à une émeutière boule de feu prête à tout avaler sur son passage. Malheureusement, les Movie Star Junkies ont cette sale réputation qui leur colle à la peau : celle de s'être récemment assagi, d'avoir posé le cul sur la chaise et de se laisser traîner les bras ballants comme un évident signe d'inanité. Ce n'est pas faux, les italiens ont levé le pied depuis quelques années maintenant, et donnent des concerts parfois à la limite du baloche qui contrastent tellement avec leurs premières prestations qu'on en vient à regretter que toute cette liquide sauvagerie d'animal pochtronné se soit diluée au fil du temps à travers le filtre étroit, sec et morne de la maturité.  Evil Moods, le dernier album du groupe, semble tout de même plus enlevé que le précédent : ça titube et slalome entre les poches d'alcool, ça se réjouirait que tout cela se finisse rapidement sans un mot innocent, mais on peine malheureusement à retrouver toute cette divine flamboyance avinée. Après coup, les Movie Star Junkies ne dépareillent pas tant que ça : on pourra simplement préciser que leur musique, en terme d'illustration sur l'échelle de la cuite, s'est déplacée de ce suprême point d'intensité qui donne la volonté de tout atomiser à ce type de fin de soirée un peu difficile, la bouche lourde et les envies déjà bien pâteuses. Pour qui ne regrette pas le passé des italiens, Evil Moods possède tout de même certains moments de grâce, et contentera plaisamment les nouveaux venus. 

ALLEZ LES FILLES (FR)
Les Movie Star Junkies sont de retour avec un nouvel album « Evil Moods », premier extrait en exclu Un univers décalé et surprenant que l'on a du mal à mettre dans des cases, c'est ça les Movie Star Junkies. Un mélange audacieux, du Punk, du Blues, de la Surf, des notes Psychédéliques Folk décadentes et un tout relativement Garage Rock. Un univers écorché, une fête obscure, dans lequel il est fascinant de se laisser embarquer. On aura certainement droit à quelques surprises extraites de leur nouveau disque produit chez Voodoo Rhythm Records, dont la sortie officielle est prévue le 24 Novembre. Ce nouvel album est décrit comme un "retour aux sources", sombre et torturé comme sur les excellents Melville (2008) et A Poison Tree (2010) qui ont fait leur identité. Plus récemment, Son Of The Dust sorti en 2012, laissait entrevoir des notes plus douces, un grain plus fin pour finalement une œuvre plus fraiche. L'ensemble sonnait moins garage (changement de label vers Outside Inside Records) mais était toujours aussi chaotique malgré tout car on touche ici à l'âme du groupe. Vivement fin Novembre, ce retour aux sources (et du label Voodoo Rhythm Records) nous promet un grand album, car suite aux enseignements tirés des précédents, nos cinq aventuriers ont tout pour sortir leur meilleur disque à ce jour.

PITBELLULA (IT)
Per un attimo spegniamo tutto e facciamo finta di non essere qui, ma di trovarci in Texas, in qualche buco sperduto dimenticato da Dio e dall'uomo, popolato solo da misantropi come nelle opere di Jim Thompson. O in Messico nel più classico dei locali malfamati, tra baritoni che nascondono inquietanti segreti e prostitute meticce, come in "Serenade" di James Cain. Ecco, se ci fosse bisogno di una colonna sonora, abbiamo anche questa, e si chiama "Evil Moods". Perché i Movie Star Junkies sono tornati con un nuovo disco, "Evil Moods" appunto, un disco che profuma di letteratura noir e hard boiled americana, intriso di atmosfere torride e polverose che arrivano da decenni lontani; un disco sporco, senza ritorno, una scarica di adrenalina e di rabbia che non viene quasi mai incasellata nella rassicurante forma del ritornello (il precedente "Son Of The Dust" ne era volutamente intriso), un songwriting primitivo che a volte è un susseguirsi di lunghe strofe (come in "Three Times Lost" e "In The Evening Sun"), a volte mitragliate di batteria e chitarre taglienti che ti lasciano inchiodato lì, con il bicchierino vuoto di tequila in mano ("Please Come Home"). Ma soprattutto, "Evil Moods" è un disco che racchiude l'essenza dei Movie Star Junkies, quell'epifania, quello sfogo selvaggio e assolutamente spontaneo che li rende così unici, come può essere in "Red Harvest", in "Move Like Two Ghosts", in "All Sorts Of Misery", che in realtà permea ogni secondo della loro vita come band, negli Lp e sui palchi di mezzo mondo. Via dal folk, via dal sole, "Evil Moods" si addentra in ritmiche concitate, dal sapore a volte quasi funky, in zone in cui il blues diventa sempre più punk, come negli arrangiamenti di fiati à la Gallon Drunk presenti in "Jim Thompson", o virando verso stralunatissime ballate, dove il termine ballata è ovviamente tutto da interpretare ("Rising"). Ma prima del noir, della letteratura e dell'America che entrano così visceralmente nella musica, prima degli scrittori disadattati e dei loro disastrosi capolavori, c'è la vita vera e c'è la realtà di cinque ragazzi diventati ormai uomini, dislocati tra Berlino, Torino e Lione. Cinque esistenze che in fin dei conti possono essere più appassionanti, tristi, epiche o tragiche di qualsiasi romanzo scritto. Ecco allora che a fare capolino nelle liriche malate di questo disco ci sono le storie delle persone che stanno dietro a questa bomba ad orologeria chiamata Movie Star Junkies, storie di carne e di ossa, di incomprensioni, di incidenti quasi fatali ("A Promise"), di rapporti complessi ("A Lap Full of Hate"). Dieci canzoni registrate in Italia e mixate a Berlino, con la preziosa mano di Maximilian Weissenfeldt di Whitefield Brothers ad alcune percussioni, dieci scariche elettriche che confermano la statura dei Movie Star Junkies, la forza prorompente che sanno sprigionare quando accendono i loro amplificatori e imbracciano gli strumenti. Altro fatto importante, "Evil Moods" vede il ritorno dei nostri sotto l'ala protettrice della Voodoo Rhythm, la galeotta etichetta per la quale erano usciti "Melville" (2008) e "A Poison Tree" (2010), dischi che avevano fatto conoscere i Movie Star Junkies e il loro suono asciutto e tagliente. Tutto sembra ricomporsi, con in più la consapevolezza di un gruppo musicalmente maturo e distintamente riconoscibile, così tanto da potersi muovere in qualunque direzione, dal Texas alle pagine di un noir, dal Messico ad una salaprove immersa nella nebbia, dalle storie minime ai grandi drammi. Perché davvero, niente sembra precluso a questi Movie Star Junkies. Viva.

La Repubblica (IT)
Un tour europeo appena archiviato, un album che profuma di letteratura noir americana, una band dichiaratamente da esportazione: sono i torinesi Movie Star Junkies, che stasera al Tender presentano dal vivo l'ultimo album "Evil Moods". Tender, via Alamanni 4

La Stampa (IT)
Movie Star Junkies (rock). Facciamo finta di trovarci in Texas, in qualche buco sperduto dimenticato dal mondo, o in Messico, nel più classico dei locali malfamati. La colonna sonora: "Evil Mood", il nuovo disco dei Movie Star Junkies. Un disco che profuma di letteratura noir e hard boiled americana, intriso di atmosfere torride e polverose che arrivano da decenni lontani. Via dal folk, via dal sole, "Evil Moods" si addentra in ritmiche concitate, dal sapore a volte quasi funky, in zone in cui il blues diventa sempre più punk. Dieci canzoni registrate in Italia e mixate a Berlino, con la preziosa mano di Maximilian Weissenfeldt di Whitefield Brothers. Altro fatto importante, "Evil Moods" vede il ritorno dei nostri sotto l'ala protettrice della Voodoo Rhythm, la galeotta etichetta per la quale erano usciti "Melville" (2008) e "A Poison Tree" (2010), dischi che avevano fatto conoscere i Movie Star Junkies. Ingresso 5 euro.

Cube Magazine (IT)
Per un attimo spegniamo tutto e facciamo finta di non essere qui, ma di trovarci in Texas, in qualche buco sperduto dimenticato da Dio e dall'uomo, popolato solo da misantropi come nelle opere di Jim Thompson. O in Messico nel più classico dei locali malfamati, tra baritoni che nascondono inquietanti segreti e prostitute meticce, come in 'Serenade' di James Cain. Ecco, se ci fosse bisogno di una colonna sonora, abbiamo anche questa: si chiama 'Evil Moods'.
Perché i Movie Star Junkies sono tornati con un nuovo disco che profuma di letteratura noir e hard boiled americana, intriso di atmosfere torride e polverose che arrivano da decenni lontani; un disco sporco, senza ritorno, una scarica di adrenalina e di rabbia che non viene quasi mai incasellata nella rassicurante forma del ritornello (il precedente 'Son Of The Dust' ne era volutamente intriso), un songwriting primitivo che a volte è un susseguirsi di lunghe strofe (come in 'Three Times Lost' e 'In The Evening Sun'), a volte mitragliate di batteria e chitarre taglienti che ti lasciano inchiodato lì, con il bicchierino vuoto di tequila in mano ('Please Come Home').Ma soprattutto, 'Evil Moods' è un disco che racchiude l'essenza dei Movie Star Junkies, quell'epifania, quello sfogo selvaggio e assolutamente spontaneo che li rende così unici, come può essere in 'Red Harvest', in 'Move Like Two Ghosts', in 'All Sorts Of Misery', che in realtà permea ogni secondo della loro vita come band, negli Lp e sui palchi di mezzo mondo.
Via dal folk, via dal sole, 'Evil Moods' si addentra in ritmiche concitate, dal sapore a volte quasi funky, in zone in cui il blues diventa sempre più punk, come negli arrangiamenti di fiati à la Gallon Drunk presenti in 'Jim Thompson', o virando verso stralunatissime ballate, dove il termine ballata è ovviamente tutto da interpretare ('Rising'). Ma prima del noir, della letteratura e dell'America che entrano così visceralmente nella musica, prima degli scrittori disadattati e dei loro disastrosi capolavori, c'è la vita vera e c'è la realtà di cinque ragazzi diventati ormai uomini, dislocati tra Berlino, Torino e Lione. Cinque esistenze che in fin dei conti possono essere più appassionanti, tristi, epiche o tragiche di qualsiasi romanzo scritto. Ecco allora che a fare capolino nelle liriche malate di questo disco ci sono le storie delle persone che stanno dietro a questa bomba ad orologeria chiamata Movie Star Junkies, storie di carne e di ossa, di incomprensioni, di incidenti quasi fatali ('A Promise'), di rapporti complessi ('A Lap Full of Hate').
Dieci canzoni registrate in Italia e mixate a Berlino, con la preziosa mano di Maximilian Weissenfeldt di Whitefield Brothers ad alcune percussioni, dieci scariche elettriche che confermano la statura dei Movie Star Junkies, la forza prorompente che sanno sprigionare quando accendono i loro amplificatori e imbracciano gli strumenti. Altro fatto importante, 'Evil Moods' vede il ritorno dei nostri sotto l'ala protettrice della Voodoo Rhythm, la galeotta etichetta per la quale erano usciti "Melville" (2008) e "A Poison Tree" (2010), dischi che avevano fatto conoscere i Movie Star Junkies e il loro suono asciutto e tagliente. Tutto sembra ricomporsi, con in più la consapevolezza di un gruppo musicalmente maturo e distintamente riconoscibile, così tanto da potersi muovere in qualunque direzione, dal Texas alle pagine di un noir, dal Messico ad una salaprove immersa nella nebbia, dalle storie minime ai grandi drammi. Perché davvero, niente sembra precluso a questi Movie Star Junkies.

GQ (best italian albums of the year) (IT)

Impattosonoro (IT)
Quando ci si imbatte in un disco come "Evil Moods" dei Movie Star Junkies, non volendo esagerare, si può vivere una sorta di dissidio interiore. Va chiarito sin da subito: è un grandissimo disco. Per cui, mentre si apprezza un sound decisamente particolare, che è capace di viaggiare dal blues al punk in pochi istanti carichi d'adrenalina, vien naturale chiedersi quanto sia ingiusto che band come queste non possano godere di tutta l'attenzione che realmente meriterebbero. "Evil Moods" è un viaggio nel West, è la colonna sonora ideale per percorrere la Route 66 distratti dai canyon americani. È un album intriso di letteratura: un po' hard boiled, un po' Hemingway, un po' Kerouac, molto on the road. Proprio come un libro, ogni brano è pensato, al contrario di quanto accadeva nel precedente disco, come un unico fluire di pensieri e note, senza strofe e ritornelli. In "Jim Thompson", traccia centrale del disco, la collaborazione con Claudio Jolowicz, Jason Liebert e Bastian Dunckert e quindi il largo spazio concesso ai fiati, contribuisce a cambiare sonorità in un pezzo vagamente funky. Il cuore blues del disco pulsa fra la settima e l'ottava traccia: "In the evening sun" e "All sorts of misery" sono i due pezzi più romantici, insieme con "Rising", brano degno di Django Unchained, leggermente più lenti rispetto agli altri, in cui il ritmo, spesso scandito da un'ottima batteria, è solitamente abbastanza elevato. L'ultimo dei Movie Star Junkies è un album carico di interessantissimi spunti di riflessione e si colloca di diritto fra i migliori dischi italiani del 2014. Dieci brani che sembrano i capitoli d'un libro d'avventure ambientate al di là del Mississippi ci dicono, fugando ogni minimo dubbio, quanto grande sia il talento di questa band, certamente fra le migliori realtà del panorama underground italiano.


Indie-eye (IT)
I Movie Star Junkies hanno deciso di 'slegarsi' in tutta autonomia dai modelli musicali e di vita che hanno ispirato i precedenti lavori: da Jack London a Jack Kerouac, da Jim Hawkins a Jim Morrison. Rimane quell'accavallamento temporale per il nuovo Evil Moods, competente prova per Voodoo Rhythm dal sapore funky, un album capace di spalancarti la mente. Di Elia Billero È passato diverso tempo da quell'esercizio da mozzi e capitani di ventura che fu Melville, e poco distante anche A Poison Tree. I cinque pazzi scatenati stanno continuando la loro avventura europea, aggirandosi ancora dentro e fuori il Belpaese, specie in Francia dove questo rock alla Jack Daniels è molto apprezzato. Forse è un bene che debbano continuare l'attività live e che i soli dischi non ripaghino un'ottima produzione musicale. Dal vivo i MSJ danno tutto, e per tutto intendo quel che credete sia giusto che appaia in un gruppo rock e quello che non avete mai visto, almeno in Italia, almeno da parte di un gruppo italiano. Calibro 35, proprio ora che vi siete presi il meritato riposo dalla lunga tournèe, avete sbagliato i tempi. Dove i milanesi sono stilosamente e filologicamente bravi, i Movie Star Junkies sono 'schifosamente' bravi (A Lap Full of Hate è la pietra di paragone definitiva). Puzza di erba e di sudore il loro black funk, espanso verso tutti gli angoli del mondo dove il riscatto è una flebile speranza e il mondo è in mano ai bastardi più potenti (All Sorts of Misery). I MSJ hanno deciso di 'slegarsi' in tutta autonomia dai modelli musicali e di vita che hanno ispirato i precedenti lavori: da Jack London a Jack Kerouac, da Jim Hawkins a Jim Morrison. Rimane quell'accavallamento temporale, da Jack lo squartatore a Charles Manson, nei quali i MSJ raccontano storie, senza volersi far capire troppo bene per poter essere gli unici Cantori in grado di trasmettere la favola della puttana triste o dello spacciatore ladro. La differenza essenziale di questo disco è che risulta meno 'da buskers', pienamente rock'n'roll, senza neppure i fantasmi jazzy in stile Jack Torrance. La martellante batteria non lascia nemmeno un attimo di silenzio, i cori in lontananza chiedono al cowboy di non vendersi come Giuda, le chitarre sono fumo che evapora nel sole del mattino o affoga gli avventori dei pub irlandesi. Ci sono pretendenti che si affacciano alle attitudini sixties con una foga incredibile. Lacrime e sangue sembrano essere alla porta, l'angoscia in terzine dei precedenti dischi viene sospinta verso coraggiose cavalcate polverose. La prima parte di Evil Moods ha sapori funky: A Promise è una rivista L'America dei Doors, Please Come Home usa lo stratagemma dei Franz Ferdinand di Outsiders, è ovvio dirvi che il risultato è tutt'altro. Baltimore, dalla raccolta Still Singles, aveva già anticipato questa deriva. Si sente anche l'influenza di quell'altro vecchio pazzo di Frank Zappa, negli xilofoni di Rising e nelle trombe à la Peaches en Regalia di Jim Thompson. Le suggestioni di questo disco si aprono come un cartone di Lsd: semplice ma capace di spalancarti la mente.  Read more at: http://www.indie-eye.it/recensore/coverstory/movie-star-junkies-evil-moods-la-recensione.html | Indie-eye - REC

Mag Music (IT)
Dopo "Son of the Dust", disco caratterizzato dalla presenza di un suono polveroso, catramoso, di matrice blues, i Movie Star Junkies sono pronti a tornare in scena con un nuovo album. Registrato in Italia e mixato a Berlino, si intitolerà "Evil Moods" e prevede uno spostamento verso sonorità maggiormente punk, per non dire anche funky, oltre che un ritorno in casa Voodoo Rhythm, già nota per aver pubblicato in precedenza "Melville" e "A Poison Tree". Uscita prevista per il 24 novembre. Mescalina (IT)
Avevo ascoltato i Movie Star Junkies nel 2012, l'album era Son Of The Dust. Ad oggi, uno degli album in assoluto più belli, ascoltati tra le migliaia di proposte che arrivano dal mondo emergente/indipendente. In realtà, parlare di emergenti riferendosi ai Movie Star Junkies, è quantomeno inappropriato, visto che la band ha alle spalle una lunga esperienza fatta di live e di album.
L'ultima loro fatica si chiama Evil Mood. Devo ammettere che li avevo un po' persi di vista, ed è stato piacevole ritrovare la loro musica e soprattutto notare come la band si conferma grande realtà, riuscendo a creare un altro ottimo disco. Evil Mood, ripercorre i precedenti lavori, nel senso che probabilmente la band ha trovato la propria dimensione ideale in un genere, o meglio dire in uno stile, diventato il loro marchio e che da ai loro lavori forte personalità e in questo senso originalità.
Con Evil Mood, ancora una volta, così come era capitato con Son Of The Dust, ho avuto l'impressione di trovarmi nell'America profonda, quella del sud, circondato da polvere e atmosfere noir e ancora più hard boiled, perfetta colonna sonora per qualche racconto di genere. In effetti poi, a leggere i titoli, ti accorgi che ci sono riferimenti alla letteratura che va dagli anni 20 ai 60, a grandi linee, vedi la traccia intitolata Jim Thompson (tra i maggiori scrittori noir americani), una delle migliori con A Promise e All Sorty Of Misery, che quasi ti fa avvertire gli odori di certi posti teatro dei polizieschi americani. Evil Mood sa di sporco blues, impastato ad atmosfere pulp, un po' come il precedente lavoro ma meno raffinato e pulito. Un disco rock'n roll, di quello verace, dai contorni old style, che ha nei momenti funky, la novità maggiore rispetto al passato. La band piemontese si mostra molto capace di creare uno prodotto revival, non affatto commerciale, che lascia poco spazio alla classica struttura di un brano, con l'assenza evidente di ritornelli accattivanti. Nonostante ciò, Evil Mood, riesce lo stesso ad avere quell'orecchiabilità non scontata che ti attira. Altro centro dei Movie Star Junkies dopo Son Of The Dust. Riempite il vostro bicchiere di un buon "Jack", accomodatevi sul vostro divano preferito e lasciatevi andare al sound dei MSJ.

XL La Repubblica (IT)
Atmosfere sulfuree, ritmiche travolgenti, echi psichedelici: la band torinese è un lanciafiamme punk blues. Registrato in Italia e mixato a Berlino, il quarto lavoro conferma l'indole dei cinque ragazzi e se non bastasse la rincara con una scarica elettrica. Il lavoro è un bignami del sound 60s. A turno nelle traccie ci potrebbero essere i Pink Floyd del primo periodo (A promise, Three Times Lost) o Sly and Family Stone (Rising). Un passo in avanti nel passato.

RCDC (album of the week)(IT)

Roar (IT)
Si tende a considerare generi musicali come il blues e il rock ancorati immarcescibilmente alla loro terra d'origine, gli Stati Uniti. Considerazione certamente non sbagliata, è un dato di fatto: certa musica viene da lì, dal Paese a stelle e le strisce, e lì deve ritornare.
MOVIE STAR JUNKIES - EVIL MOODS  Però, si sa, la musica non ha patria, e allora capita che un gruppo italiano riesca a recepire e rielaborare linguaggi musicali estranei alla propria tradizione culturale. I Movie Star Junkies, fin dal primo album Melville (2008), portano avanti un discorso sonoro legato a un punk maledetto e un blues dannato, riuscendo a lasciare un'impronta personale. Ovvio, i modelli di riferimento ci sono tutti – Gun Club, le murder ballads di Nick Cave, la letteratura noir americana – e risultano ben evidenti. Ma sono e rimangono influenze, semplici radici di un percorso musicale altro e autonomo. Evil Moods, quarto disco della band, è forse il capitolo discografico più riuscito del gruppo torinese. I chilometri, macinati in giro per il nuovo e il Vecchio Continente, si traducono in esperienza di vita e di musica. Ed arriva la prova definitiva della maturità artistica: il tappeto sonoro diventa, come mai prima, calzante ed evocativo; il suono, seppur ripulito (per modo di dire), non perde in ruvidezza.  L'irruenza incendiaria e tenebrosa dei primi tre dischi, ben calibrata e quasi mai rinchiusa nella forma canzone tradizionale (strofa- bridge- ritornello), diventa funzionale alle trame narrative torbide, trasudanti dolore. L'immaginario descritto nella maggior parte dei brani rimanda, in modo esplicito e cinematico, a quello raccontato dagli scrittori noir americani nei loro romanzi. Crimini, tragedie, peccati scorrono come la pellicola di un film in Three times lost, A lap full hate e Jim Thompson (un omaggio all'autore di Getaway) e Colpo di spugna. E il confine tra testo e musica si fa sempre più lieve, diventa quasi impercettibile. Bene così, finalmente un disco che racconta storie oscure ed intriganti, anche quando si preferisce il registro della ballata (Rising e In the evening sun).

Rocklab (IT)
Per un attimo spegniamo tutto e facciamo finta di non essere qui, ma di trovarci in Texas, in qualche buco sperduto dimenticato da Dio e dall'uomo, popolato solo da misantropi come nelle opere di Jim Thompson. O in Messico nel più classico dei locali malfamati, tra baritoni che nascondono inquietanti segreti e prostitute meticce, come in "Serenade" di James Cain. Ecco, se ci fosse bisogno di una colonna sonora, abbiamo anche questa: si chiama "Evil Moods". Perché i Movie Star Junkies sono tornati con un nuovo disco che profuma di letteratura noir e hard boiled americana, intriso di atmosfere torride e polverose che arrivano da decenni lontani; un disco sporco, senza ritorno, una scarica di adrenalina e di rabbia che non viene quasi mai incasellata nella rassicurante forma del ritornello (il precedente "Son Of The Dust" ne era volutamente intriso), un songwriting primitivo che a volte è un susseguirsi di lunghe strofe (come in "Three Times Lost" e "In The Evening Sun"), a volte mitragliate di batteria e chitarre taglienti che ti lasciano inchiodato lì, con il bicchierino vuoto di tequila in mano ("Please Come Home"). Ma soprattutto, "Evil Moods" è un disco che racchiude l'essenza dei Movie Star Junkies, quell'epifania, quello sfogo selvaggio e assolutamente spontaneo che li rende così unici, come può essere in "Red Harvest", in "Move Like Two Ghosts", in "All Sorts Of Misery", che in realtà permea ogni secondo della loro vita come band, negli Lp e sui palchi di mezzo mondo.  Via dal folk, via dal sole, "Evil Moods" si addentra in ritmiche concitate, dal sapore a volte quasi funky, in zone in cui il blues diventa sempre più punk, come negli arrangiamenti di fiati à la Gallon Drunk presenti in "Jim Thompson", o virando verso stralunatissime ballate, dove il termine ballata è ovviamente tutto da interpretare ("Rising"). Ma prima del noir, della letteratura e dell'America che entrano così visceralmente nella musica, prima degli scrittori disadattati e dei loro disastrosi capolavori, c'è la vita vera e c'è la realtà di cinque ragazzi diventati ormai uomini, dislocati tra Berlino, Torino e Lione. Cinque esistenze che in fin dei conti possono essere più appassionanti, tristi, epiche o tragiche di qualsiasi romanzo scritto. Ecco allora che a fare capolino nelle liriche malate di questo disco ci sono le storie delle persone che stanno dietro a questa bomba ad orologeria chiamata Movie Star Junkies, storie di carne e di ossa, di incomprensioni, di incidenti quasi fatali ("A Promise"), di rapporti complessi ("A Lap Full of Hate").
Dieci canzoni registrate in Italia e mixate a Berlino, con la preziosa mano di Maximilian Weissenfeldt di Whitefield Brothers ad alcune percussioni, dieci scariche elettriche che confermano la statura dei Movie Star Junkies, la forza prorompente che sanno sprigionare quando accendono i loro amplificatori e imbracciano gli strumenti. Altro fatto importante, "Evil Moods" vede il ritorno dei nostri sotto l'ala protettrice della Voodoo Rhythm, la galeotta etichetta per la quale erano usciti "Melville" (2008) e "A Poison Tree" (2010), dischi che avevano fatto conoscere i Movie Star Junkies e il loro suono asciutto e tagliente. Tutto sembra ricomporsi, con in più la consapevolezza di un gruppo musicalmente maturo e distintamente riconoscibile, così tanto da potersi muovere in qualunque direzione, dal Texas alle pagine di un noir, dal Messico ad una salaprove immersa nella nebbia, dalle storie minime ai grandi drammi. Perché davvero, niente sembra precluso a questi Movie Star Junkies. Viva.

Shiver (IT)
ornano con Evil Moods i torinesi Move Star Junkies e con loro il suono graffiante, possente e bastardo come una volta, quel "punto giusto di bollitura sonica" che tra rock puntellato di punk, canagliate blues e tutta la maledizione stradaiola di un America dai denti cariati e gialli, rinviene un tempo dai continui confronti con la vita da hobo errante, umanità solitaria senza patria, famiglia ma dai molti amori da strapazzare.
Dieci sfrontatezze con ragnatele vintage che nel giro stretto di una mezz'oretta e più di polverose nebulose, tuonano la loro essenza magnificamente "sgraziata"; chitarre mex stordite, ritmi di frontiera sausalita, saguari, ballate sulle cosce delle notte, libidini Caveane e sogni murderer sono la pulsione totale di un disco che protende nel radicalismo ma che aggancia il contemporaneo con i riverberi dell'umore punkyes, e quello che ne viene fuori è un motivato ascolto avvolgente, uno di quegli uppercut inimmaginabili da subire tra una cassa stereo e il fiato teso di una momentanea intensità forgiata dal tempo. Con un fornito parterre di guest nella tracklist, registrato a Italia e mixato a Berlino, questo quarto disco della cinquina torinese suona scaltro, una preziosa maturità di gruppo che fotografa il rispetto che si ha di ripartire "ogni volta ad ogni nuovo disco" come fosse una avventura inventata lì per lì con ancora un lungo filo espressivo da tirare da un futuro e l'altro. Ed è proprio così, nuovo disco e ancora nuovo viaggio ai confini della "quintessenza letterata" di un hard boiled yankee, e allora tra miasmi di vita sregolata e profumi di bourbon scaduto ecco avanzare l'eco di "Please come home", il dondolio ubriaco della stupenda ballata "Jim Thompson", le schizzate psichedeliche di una storta "All short of misery" e l'accento proto-beatnik che smuove lo slogamento di "Move like two ghosts", il resto è panacea per cercatori di brezze sventate, per anime in cerca di calore extra. Movie Star Junkies non sai mai la loro direzione, ma li segui annusando le loro tracce ogniqualvolta vissute di vissuto. (Max Sannella)

Troublezine (IT)
Recensione a cura di Paolo Fierobecco...
Ce ne fossero di band così in grado di sfornare pezzoni da 90 anno si, anno no, sempre a testa alta in confronto a tutto ciò che viene dall'estero, quindi i Movie Star Junkies tornano con un nuovo album e come al solito è una bomba. Sfumature noir, il blues scuro della wave, rivisitato e riattualizzato ai giorni nostri. Le ritmiche ossessive, le chitarre bellissime che ipnotizzerebbeo anche l'orecchio più scettico, la voce teatrale quantomai elegantemente invadente. Peccato che in Italia non si sappia l'inglese, altrimenti perché non cantare ai concerti una A Promise o una Please come home o la malinconica In the evening sun, tanto per buttar lì tre pezzi a caso. Echi di Black heart procession e dei Bad Seeds più tribali, giusto per dare il contentino a chi non conosce i Junkies e non ha voglia, per pigrizia, di sperimentare un ascolto online, non pretendo quello in vinile, sia mai.  Sono italianissimi e, dal vivo, spaccano il culo come pochi e sono sicuramente una delle band migliori in circolazione, parlo in assoluto. Chiaro, per il nostro gusto mediterraneo non riempiranno mai locali imponenti (almeno qui), anche se spero di sbagliarmi e che prima o poi cambi l'antifona, però, ovunque siano, andate a vederli.

Radio Kairos (IT)
Attivi da quasi dieci anni, questi ragazzi che vivono sparsi per l'Europa, tra Berlino, Torino e Lione, hanno non a caso ottenuto un successo internazionale che supera di gran lunga quello italiano. Solo nel 2012, con l'uscita del disco 'Son of the Dust', riprendono a suonare con continuità nel nostro paese. La ragione consiste nell'appartenenza a quello che viene spesso erroneamente definito un sottobosco artistico, ed è invece una scena musicale gigantesca, che però si è sempre sostenuta da sola, e questo da noi, è noto, non paga molto. Parliamo dell'ambiente new wave, garage, hardcore, ma non solo, possiamo allargare il discorso all'underground italiano in generale. Del resto loro sono molto più affini all'attitudine americana e riescono a muoversi con disinvoltura al di fuori del circuito mainstream. Il nuovo album 'Evil Moods', con cui tornano alla svizzera Voodoo Rhythm, uscito il 24 novembre scorso, già nel titolo dichiara l'intento autobiografico, per la prima volta messo in campo dalla band, stimolata in questo senso dall'aver attraversato un periodo difficile, sia a livello individuale che di gruppo, riuscendo però a superarlo e a dare alla luce questo nuovo lavoro. Lavoro che hanno portato in giro con un lungo tour europeo, che li ha visti aprire i live inglesi di Ty Segall, e riempire i principali club francesi in veste di headliner. I Movie Star Junkies hanno una modalità compositiva rara e invidiabile, che dimostra la sintonia fra i membri della band: vivendo in paesi differenti, si vedono pochissimo, provano ancora meno, in genere si trovano una settimana prima del tour, fanno le prove e scrivono i pezzi, principalmente seguendo le idee portate dal cantante Stefano e dal chitarrista Vins. Cosa possibile anche grazie naturalmente al fatto d'essere eccellenti musicisti dal punto di vista tecnico. Ora sono in Italia per sole sei date nel mese di dicembre. L'intervista che trovate qui è stata raccolta in occasione del concerto bolognese del 7 dicembre al Freakout Club. Le prossime occasioni per vederli saranno a Torino, il 18 dicembre @Magazzino sul Po, il 19 dicembre a Firenze @Tender, e per finire di nuovo in territorio emiliano il 20 dicembre al Mattatoio di Carpi (MO). I Movie Star Junkies sono: Stefano Isaia (Vocals, Organ), Caio Miguel Montoro (Drums), Vincenzo Marando (Guitars, Vocals), Alberto "Boto" Dutto (Guitars), Emanuele "Nene" Baratto (Bass). 'Evil Moods' è un disco selvaggio, primitivo, malato, sporco, noir, malfamato e umanissimo, porta in sé blues, garage, funky, punk, folk, e tanto altro, tutto ben compattato in una struttura matura. Ma soprattutto il live, che piaccia o meno il genere, è una bomba nelle viscere. Non perdetelo.